«

»

Il terremoto del 1984

Voto dei visitatori
(Voti complessivi 4 Media dei voti: 4)

Terremoto Magliano 1984Il terremoto di Pescasseroli 7 e 11 maggio 1984

Alle ore 19,57 di lunedi 7 maggio 1984 un boato sordo attraverso violentemente tutta la zona dell’Alto Sangro fra cui Palena. Era l’incubo del terremoto che si riaffacciava dopo la famosa scossa del settembre 1933. Il terremoto fu del settimo/ottavo grado della scala Mercalli e la scossa durò una decina di secondi.

Il suo epicentro fu in San Donato Val di Comino ai confini fra Abruzzo e Lazio. Tutta la regione montuosa della Maiella risentì violentemente del sisma che interessò zone da Alfedena fino alla costa adriatica. Il terremoto colse completamente di sorpresa i palenesi che si apprestavano a quell’ora a cenare. La gente si riversò nelle strade terrorizzata percependo fra i calcinacci per le strade già i danni che si riscontravano fra i muri e fra i cornicioni delle case. Subito dopo subentrò il panico fra la popolazione che ovviamente non voleva rientrare nelle case. I soccorsi della Protezione Civile (dicastero allora diretto da Giuseppe Zamberletti) non mancarono e fu istituita una tendopoli al campo sportivo insieme a numerose roulottes. Furono giorni di profonda angoscia con la consapevolezza che fra le apparenti mura intatte di molte case si celavano già danni profondi che in prativa avevano reso metà delle case del paese inagibili.

Terremoto Magliano 1984Ma alle 12,45 di venerdi 11 maggio una nuova violenta scossa, anche più forte della precedente, con epicentro il Parco d’Abruzzo, sconvolse di nuovo Palena e i paesi vicini assumendo le caratteristiche non delle scosse tipiche dello sciame sismico ma quelle di una vera e propria replica di uguale o addirittura superiore intensità sismica cogliendi di sorpresa tutti i sismologi.

L’antico Municipio in piazza fu sgomberato e trasferito, e purtroppo anche le antiche chiese della Madonna e di San Francesco riportarono gravi danni da renderle inagibili, quest’ultima ancora chiusa al pubblico. La chiesa della Madonna è stata riaperta restaurata solo poche settimane fa.

Palena uscì poco a poco da quei giorni d’angoscia dando inpulso, a partire da allora, anche grazie a provvedimenti legislativi, ad una lenta ma continua opera di ricostruzione e riconsolidamento del patrimonio urbano di Palena. Rimane di quei giorni come aver toccato e per molti “ritoccato” con mano quella terribile sensazione che dopo tutto ogni cosa è appesa ad un filo ed al destino. E per Palena quelle settimane, in cui ancora si ricordano alcuni titoli di giornali che recitavano “…. Palena evacuata dalla popolazione..”, significano tutt’oggi un segno indelebile che lascia per insegnamento il bisogno della solidarietà e di attaccamento alla propria terra natia che prevale nei momenti drammatici.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi